Home    – Attenzione agli immobili provenienti da donazione. Avere un mutuo sarà difficile

Attenzione agli immobili provenienti da donazione. È utile sapere che i beni che provengono da donazione possono essere soggetti ad un’azione di revoca da parte di eventuali eredi a cui sono stati sottratti i diritti di quota legittima. In caso di impugnazione, chi ha comprato un immobile donato può perdere la titolarità della proprietà e può dunque essere obbligato a restituire il bene agli eredi legittimi. Un rischio decisamente grande.

Lo stesso rischio che corre la banca, che potrebbe vedersi invalidare l’iscrizione dell’ipoteca. Per questo motivo, gli istituti di credito, generalmente, non concedono il mutuo se l’immobile ha avuto passaggi di proprietà tramite atto di donazione negli ultimi 20 anni.

La prima legge di riferimento sulla donazione era risalente al 1942, in base alla quale, trascorsi 10 anni dal decesso del donante non era più possibile avvalersi del diritto di impugnare la donazione. Nel 2005 la normativa ha subito una netta modifica, spostando agli attuali 20 anni il termine ultimo del decadimento dei diritti degli eventuali eredi. In questo modo è stata però penalizzata la compravendita degli immobili, motivo per cui da più parti è stata auspicata una rivisitazione dell’attuale normativa.

In quali casi è possibile avere un mutuo su un immobile derivante da donazione? È bene distinguere il caso in cui il donatario sia in vita o deceduto. Se il donante è defunto, la banca può procedere con la concessione del mutuo senza rischi se il decesso è avvenuto da oltre 20 anni in quanto il diritto degli eredi di procedere alla richiesta di revoca della donazione è prescritto.

Se invece il donatario è ancora in vita, l’istituto di credito può richiedere che chi ha donato subentri nel contratto di mutuo come terzo datore di ipoteca. In questo caso l’acquirente, nonché cliente della banca che sottoscrive il mutuo per l’acquisto dell’immobile, viene tutelato dal fatto che un’eventuale azione legale da parte degli eredi non sia conveniente dal punto di vista economico.

Prima di mettere nero su bianco sul contratto di compravendita è sempre consigliabile fare un’attenta analisi dei documenti di provenienza dell’immobile, soprattutto in presenza di una donazione.

 

Fonte:  http://www.euribor.it/news/attenzione-immobili-donazione-mutuo-difficile/

Articolo correlato